venerdì 17 gennaio 2014

Torta Savoia senza glutine e un Carletto felice per il mio primo Gluten Free (Fri)Day!

Questa torta è stata un'avventura. Non ho molta esperienza con i dolci e non avevo mai preparato una torta ricoperta di cioccolata. Effettivamente non avevo mai preparato una torta ricoperta in generale....ma la necessità fa virtù e questa torta era una questione personale. Una sfida che non potevo, ma proprio non potevo perdere! :)
A lanciare la sfida è stato "Carletto", un mio carissimo amico. Non un amico qualunque, ma il primo dei miei amici a scoprirsi celiaco e, successivamente, il primo a mettermi la pulce nell'orecchio riguardo al glutine. Il fatto che sia una persona adorabile e che io gli voglia un gran bene completa il quadro ;)
Il Carletto in questione è per metà siciliano (e in Sicilia i dolci sono decisamente pregni di significato!!!) e per mesi mi ha raccontato meraviglie di questo sublime trionfo di cioccolato, il cui gusto straordinario era paragonabile soltanto al tempo necessario per digerirne una fetta. 
"E' una cosa indescrivibile!" mi diceva.... "Wow!" pensavo io....
"Se ami il cioccolato è la torta dei sogni!" mi diceva.... "Accidenti, andrebbe proprio assaggiata" pensavo io....
"E' la goduria fatta torta!" mi diceva.... "Cribbio, ho l'acquolina in bocca!" pensavo io....
"E' una di quelle cose che mi fa davvero pesare il fatto di essere celiaco, perchè non la potrò più mangiare...." 
Eh no! Alt! Questo no, non lo accetto proprio! E' una torta santo cielo, per quanto complicata un modo per rifarla senza glutine ci sarà. Potrà essere un dolce impegnativo (per una pasticcera poco esperta come me), ma che non si dica che un celiaco non può mangiare la sua torta preferita, qualunque essa sia! 
Detto questo il dado era tratto e la sfida lanciata. Ed io (che sono una nota rosicona per queste cose), l'ho prontamente raccolta. Il Carletto avrebbe avuto la sua torta Savoia. Così sia scritto e così sia fatto. Tiè!
Una volta scovata la ricetta della versione glutinosa su San Google, armata di grembiule, planetaria teglia e palettine di ogni dimensione, mi sono messa a lavoro.
Il risultato lo vedete qui sotto. 
La copertura non è perfetta (non avevo idea che, una volta sciolto, il cioccolato rapprendesse nuovamente così in fretta!), ma vi assicuro che il sapore è eccezionale e che Carletto non aveva esagerato nemmeno un pò nel descrivermela!


Questo l'interno



Questi gli ingredienti:

- 6 uova 
- 100 gr di Mix per dolci lievitati di Felix e Cappera
- 60 gr di amido di mais
- 200 gr di zucchero
- un cucchiaino di miele
- un pizzico di sale per montare gli albumi
- 150 gr di cioccolato al latte (io ho usato quello Simply senza glutine)
- 500 gr di cioccolato fondente al 70% di cacao (sempre marca Simply senza glutine)
- 100 gr di crema di Nutella (la ricetta originale prevedeva la crema di nocciole fatta a mano, ma non avendo tutti gli strumenti per realizzarla, mi sono concessa la licenza di sostituirla con la Nutella)
- zucchero a velo (attenzione alle contaminazioni, io ho usato quello Pedon col marchio spiga barrata)
- 60 gr di acqua
- 40 gr di rhum bianco

- 30 g di cioccolato bianco per la decorazione (sempre senza glutine)

Qui trovate la ricetta originale glutinosa che ho seguito. Copio di seguito le istruzioni con qualche piccola integrazione.
"Accendete il forno a 160°.
Montate a neve fermissima gli albumi e mettendoli poi in frigo. Montate i tuorli con lo zucchero, incorporatevi un cucchiaino di miele pian piano incorporate 90 gr. di farina e 60 gr. di amido, quando avrete ottenuto un composto ben omogeneo allora aggiungete anche gli albumi montati a neve ed incorporateli sempre ottenendo un composto omogeneo. Ora prendete un foglio di carta forno e dovete creare un cerchio con il composto che abbia uno spessore di circa 3 millimetri per fare ciò servitevi di un mestolo per prendere parte del composto, quindi versatelo sulla carta forno ed aiutandovi con spatola di legno create il cerchio, ora infornate.Il disco deve cuocere 5-6 minuti circa, nel frattempo che cuoce, preparate un altro disco su altro foglio di carta da forno, dovete alla fine ottenere 6 dischi, potete anche cuocerne due per volta."

Per disegnare i cerchi ho usato una teglia da 24 cm di diametro ed ho ottenuto 5 cerchi, non 6 come la ricetta originale.

"Ora dovete aspettare che raffreddino, dunque aspettate almeno 40 minuti,nel frattempo prepariamo la bagna, quindi sciogliete 30 gr di zucchero in 60 gr di acqua e aggiungete 30 gr di rhum bianco, mescolate bene il tutto, quindi anche la bagna al rhum è pronta."

Io ho preparato i dischi la mattina ed assemblato la torta nel pomeriggio, per essere sicura che non fossero ancora caldi e fragili.

"Prepariamo adesso il cioccolato per la farcia, quindi sciogliete a bagnomaria 150 gr di cioccolato al latte, 200 gr di cioccolato fondente al 70% di cacao, 100 gr di crema di nocciole e 15 gr di zucchero a velo."

Io ho sostituito la crema di nocciole con la Nutella. Non ho avuto problemi.

"Ora si può cominciare a creare la nostra torta savoia, quindi prendete il primo disco e prendete 1/6 della farcia al cioccolato e distribuitela sull' intero disco..."

Nel mio caso soltanto 1/5 della crema, perchè ho ottenuto 5 dischi e non 6.

"...ora adagiate sopra il secondo disco, bagnatelo con la bagna al rhum bianco e farcite anch'esso con la farcia al cioccolato, seguitate in questo modo fino alla fine della farcia e arrivando a rimanere con un solo disco, quest' ultimo non andrà bagnato con la bagna, deve rimanere asciutto, quindi adagiatelo sopra completando in questo modo la torta, a questo punto regolarizzate i bordi della torta e l' intera ''struttura'' in modo tale che abbia una forma perfettamente rotonda, a questo punto mettete in frigo."

Per "regolarizzare" il bordo della torta, ho usato un coltello sottile e affilato. Gli ultimi colpi di coltello li ho dati anche dopo aver tolto la torta dal frigorifero. (con l'impasto compattato è stato più facile correggere le imperfezioni)

"Prepariamo ora la copertura al cioccolato, quindi fate sciogliere a bagnomaria 300 gr di cioccolato fondente, quindi aspettate un poco che il cioccolato raffreddi un pochino, quindi non rimane che coprire la torta, quindi aiutandovi con una spatola ricoprite la torta integralmente (tranne la base naturalmente), quindi lasciate sgocciolare il cioccolato in eccesso, se poi volete essere proprio professionali allora create anche la scritta savoia con un beccuccio inercando il cioccolato, la torta andrà ora in frigo per non meno di 5 ore, consiglio comunque di consumare dopo almeno 12 ore, la torta Savoia è pronta!!!!"

In questa fase ho avuto qualche problemino. A meno di non usare una dose doppia di cioccolato per farlo "colare" sulla torta lasciando sgocciolare via quello in eccesso, si deve ricoprire la torta a mano con l'aiuto di una spatola apposita. Io ho iniziato ricoprendo la superficie della torta e poi sono passata al bordo, ma una volta finito, la superficie della torta, soprattutto sul bordo esterno, non era più regolare e non potevo più lavorarla con la spatola perchè il cioccolato aveva iniziato a rapprendersi. Ho dovuto sciogliere un'altro pezzetto di cioccolato fondente e ricoprire di nuovo la superficie della torta, ma il risultato non è stato perfetto. Perciò, se non siete pratiche (e veloci nella copertura), vi consiglio di cominciare dai bordo circolare e poi fare per bene la superficie.
Per la decorazione, ho sciolto al microonde il cioccolato bianco (altro che bagnomaria, col microonde ci vuole un attimo! ;) ), l'ho versato nella siringa per decorazioni e ho realizzato il bordo e la scritta.
Non vi aspettate una torta classica e morbida, quello che otterrete sarà una sorta di waferone gigante, goloso e lussurioso, in cui gli strati leggermente croccanti di cioccolata si sposano a meraviglia con quelli sottili di pan di spagna. Carletto aveva ragione: è un'autentica goduria! Ne ha divorate 2 fettone (solo un siciliano può riuscirci!!!) e la sua espressione deliziata è stata una vera gioia!!
Sfida vinta e celiaco contento, è proprio il caso di dirlo!
Solo un consiglio: cucinatela in inverno, è una bomba calorica non indifferente. Noi l'abbiamo assaggiata a fine luglio, in occasione del compleanno del Carletto. E' un miracolo se siamo tutti ancora vivi..... :D
Con questa ricetta partecipo al 100% Gluten Free (Fri)Day.



14 commenti:

  1. Ciao...la Savoia non l'abbiamo ancora provata, credo sia giunto il momento!! Bella ricetta! A presto, Le Spuntine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne vale davvero la pena! E' la tomba di tutte le diete, ma gratifica come pochi altri dolci! Grazie e a presto!

      Elimina
  2. caspita, il Carletto è un buongustaio! la Savoia è un must da noi, non la faccio da qualche annetto, ma vederla qui mi ha ridato la voglia! grazie per la meravigliosa partecipazione e buon we. ciao. Sonia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sonia, grazie! Io non l'avevo mai provata prima ed è stata una scoperta! Sono stata in Sicilia solo da piccola, ma la ricordo come una terra incredibilmente intensa in ogni cosa, colori, profumi, sapori... e questa torta ne è una prova. A prestissimo!!

      Elimina
  3. No, non ci posso credere!!! La conosco bene la torta Savoia è semplicemente strepitosa!!! E tu,? Fantastica!!! Voglio avere un'amica come te!!!
    Grazie per averla realizzata e averci regalato la tua versione sglutinata!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te e alle altre blogger di Gluten Free Travel & Living. Avete creato un sito utilissimo e un'iniziativa davvero meravigliosa! Sono felicissima di poter contribuire. Complimenti!!

      Elimina
  4. Un vero trionfo di golosità!
    Bravissima.
    A rileggerci presto per un nuovo #GFFD tra ricette e sorrisi :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pura lussuria credimi!! :D Grazie e a presto!!

      Elimina
  5. Adesso devo farla! Non conosco questa torta ma sembra un inno al cioccolato e alla bontá e...celiaci ma contenti!
    E grazie per partecipare al #GFFD!

    RispondiElimina
  6. Accipicchia e sei alle prime armi con i dolci? anche io la voglioooo :-)
    Bravissima e fortunato Carletto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ilaria!! Comunque si, non sono praticissima di pasticceria come questa. Avresti dovuto vedere le scene di panico mentre tentavo la copertura di cioccolato e lo stato pietoso della cucina una volta finito.... avevo cioccolata anche nei capelli! :D

      Elimina
  7. Fantastica questa torta!! Adoro il dolce Savoia.. anche a Ferrara ne fanno una versione "simile" per l'epifania, a base quadrata (solo). Ma non avevo mai pensato di poterla gustare gluten free... da provare assolutamente!
    e grazie a Carletto che ti ha convinta a provare a sglutinarla :D
    Ciao Jè

    RispondiElimina
  8. Grazie Jè! Provala, ti darà veramente soddisfazione!! :D

    RispondiElimina